Home Chi siamo Archivio Convegni Contatti
Home
Chi siamo
Archivio
Convegni
Contatti
I Quaderni
BRIANPOLLO
Collegamenti
Bibliografia
Galleria foto
Del Francia
Visitatori
Congresso RIRAB-ZOOBIODI
Convegno 2017
 
 

luglio 2013

FIRAB - Fondazione Italiana per la Ricerca in Agricoltura Biologica e Biodinamicaha - ha bandito l’edizione 2013 del Premio per tesi di laurea sul bio.

http://www.firab.it/site/premio


giugno 2013

E' stato istituito il gruppo di esperti chiamati a fornire una consulenza tecnica sulla produzione biologica.

Decreto istitutivo


aprile 2013

OMEOPATIA: l'infinita querelle sull'efficacia. Variabili e metodi.

La Repubblica - Ed. Nazionale - 9/04/2013



Delibera Giunta Regionale del Veneto
n° 4184 del 28.12.06

LA QUALITA' DELLE UOVA BIOLOGICHE

“Piano regionale di intervento per il rafforzamento e lo sviluppo dell’agricoltura biologica”


settembre 2011

La FIRAB (Fondazione Italiana per la Ricerca in Agricoltura Biologica e Biodinamica)
BANDISCE il 5° PREMIO DI LAUREA AUGUSTO FINZI
concorso per l’assegnazione di 3 premi di laurea del valore di 1.000 euro

entro venerdì 30 settembre 2011

INFO


marzo/2011

Corso di formazione in MEDICINA ANTROPOSOFICA

INFO

MODULO ISCRIZIONE


ottobre/2010

Pubblicità gratuita! A spese del produttore

 Il nuovo logo europeo dell'agricoltura biologica identifica chiaramente la conformità di un'azienda al regolamento Reg.CE 834/07  e DEVE essere  apposto su  tutti i  prodotti che abbiamo  almeno  il 95% della sostanza secca biologica, siano questi prodotti finiti chiusi o confezionati! In passato il logo dell’organismo di controllo poteva dare delle informazioni in più al consumatore,  oggi è assolutamente inutile: non dà vantaggi commerciali e nella maggior parte dei casi grava su uno spazio molto modesto, l'etichetta, che dovrebbe servire a dare informazioni particolarmente interessanti rispetto al prodotto, all'azienda e al territorio. In questo senso, le informazioni necessarie in etichetta sono state appositamente ridotte 

Il logo europeo attesta infatti che quel  prodotto è biologico in modo identico a qualunque altro prodotto controllato e certificato da uno dei tanti organismi di controllo autorizzati dal Mipaaf. Mettendo, in etichetta, su tutti i prodotti aziendali il logo dell’ organismo di controllo, il produttore fa  pubblicità al proprio controllore. Le aziende pagano,  già, gli enti di certificazione per controllarli, ma perché pagare, a proprie spese, anche la loro pubblicità?

 Andrea Ferrante - Presidente Aiab


CONTROLLO BIOLOGICO DELLE MOSCHE NEGLI ALLEVAMENTI ZOOTECNICI - A.Gasparetti, G. Altieri, F.Saltalamacchia

La lotta biologica è una tecnica che sfrutta i rapporti di competizione fra gli organismi viventi per contenere le popolazioni di quelli dannosi. Questa tecnica si è evoluta a fini agronomici e in genere si applica in campo agro-alimentare per la difesa delle colture e delle derrate alimentari, ma si è rivelata di notevole utilità nel controllo delle popolazioni di mosca domestica e di altre specie di ditteri molesti negli allevamenti zootecnici siano essi di bovini, suini, ovini, equini e/o avicoli.

Scarica il pdf


Notizie dal mondo Bio a cura dell'Associazione Italiana di Agricoltura Biologica.

Bionews 4/febbraio/2010 n°8.

LIBERTA' DI CONTAMINARCI? - A. Ferrante, Presidente AIAB

La sentenza del Consiglio di Stato dovrebbe permettere agli agricoltori di Futuragra di seminare mais Ogm in Italia. Futuragra rivendica il diritto della libertà individuale come pilastro della propria battaglia. Da questa vicenda derivano tre considerazione. La prima: perché il Consiglio di Stato delibera su una scelta che è puramente di politica agraria? L'Italia, con le eccezione di Confagricoltura e Federalimentare, ha scelto per il proprio modello agricolo di essere libera da Ogm: questa è politica agraria e non ha niente a che fare con la libertà individuale. La confusione istituzionale, quindi regna nel nostro Paese. La seconda: Futuragara reclama libertà di scelta, purtroppo si scorda che la libertà deve essere di tutti, anche la nostra di con tinuare a fare agricoltura biologica. Ovunque si è seminato si è dimostra to che la coesistenza fra Ogm e Bio è impossibile. Terzo: la lobby filo-Ogm è tornata ad essere iperattiva (vedi anche ennesimo sondaggio on line del Corriere delle Sera che è la quinta colonna di questa lobby, insieme al Sole 24 ore), il movimento "Liberi da Ogm" si deve riorganizzare rapidamente. A queste lobby e a chi vuole distruggere l'agricoltura Italiana non vanno fatti sconti. Il biologico è e sarà in prima linea, ci dispiace però che Enti di certificazione e soggetti satelliti, riuniti in Federbio, facciano accordi con Confagfricoltura e le piattaforme di ricerca promosse da Federalimentare che vogliono introdurre gli Ogm in questo paese. I mistificatori sono il pe ricolo principale per il biologico, Aiab non permetterà a nessuno di svendere l'immenso patrimonio del biologico Italiano che abbiamo costruito tutti insieme in questi anni.


Site Map